EnciclopediaEstrazioni di cannabis

You get 1 free seed with your seeds order | Browse cannabis seeds

Azarius

  • $

$ 0, -

0,00 US$

Estrazioni di cannabis - Enciclopedia

mostra menù chiudi menù

Estrazioni di cannabis

0 Commenti

Estraendo i principi attivi (cannabinoidi e terpeni) dalla pianta di cannabis si crea il concentrato di cannabis. La vaporizzazione dei concentrati di cannabis si chiama dabbing ed è un metodo di consumo della cannabis sempre più diffuso.

Concentrati

Il concentrato di cannabis è il termine ombrello per le estrazioni di ‘cannabinoidi’ (THC, CBD, CBN, CBN, CBC, ecc.) e ‘terpeni’ dalla pianta di canapa. Estraendo i cannabinoidi e i terpeni, solo i principi attivi vengono raccolti e separati dal resto del materiale vegetale (non attivo). Un concentrato può essere solido (per esempio hash o wax) o liquido (olio).

Per capire come eseguire un'estrazione dobbiamo prima capire la pianta di cannabis.

Tricomi e terpeni

trichomes

La pianta di cannabis produce infiorescenze, anche note come gemme, fiori, erba o cime. Su queste infiorescenze si forma una resina: i cristalli bianchi visibili sulle cime. Più resina c'è, più potente è l'erba. Guardando la resina sotto il microscopio si distinguono chiaramente i tricomi.

trichome-heads

Sui capelli dei tricomi si trovano delle piccole sfere: le “teste dei tricomi”. Le teste di tricomi sono il Santo Graal della pianta di cannabis: tutti i cannabinoidi e i terpeni sono immagazzinati qui. Le teste sono responsabili del gusto, dell'effetto e le applicazioni mediche. Tutto si concentra in queste piccole sfere microscopiche.

I terpeni sono responsabili dell'aroma e del sapore dell'erba e conferiscono, in combinazione con i cannabinoidi, l'effetto (medico) alla cannabis.

Quindi le varietà di cannabis con alti livelli di tricomi e terpeni sono ideali per estrarre un concentrato dalla cannabis.

Quale varietà scegliere?

Chiaramente, è importante usare un ceppo di canapa che produce grandi quantità di tricomi. Una maggiore quantità di tricomi logicamente aumenta la concentrazioni di cannabinoidi nelle teste dei tricomi. Inoltre, il ceppo dovrebbe essere ricco di terpeni.

Un detto importante nel processo di estrazione è: “quello che entra, poi esce”. Diciamo questo per sottolineare il fatto che il materiale iniziale (una varietà di cannabis ben coltivata e pulita, contenente molti tricomi e terpeni potenti) determina l'output (la qualità del concentrato di cannabis).

Alcune varietà di cannabis producono più tricomi (con una maggiore concentrazione di cannabinoidi) rispetto ad altri. Oltre alla genetica, la concentrazione di cannabinoidi dipende da molteplici fattori esterni, come l'ambiente e il metodo di coltivazione. Un fattore da tenere in considerazione è anche il fatto che alcuni ceppi ricchi di terpeni, producono anche un odore più intenso. Questo aspetto è da tenere presente se vuoi coltivazioni discrete.

Possiamo consigliarti, in base alle nostre esperienze, quali ceppi sono più adatti per un concentrato di cannabis....

4 varietà perfette per l'estrazione di concentrati

- Sour Power della HortiLab

- Holy Grail Kush della DNA Genetics

- Wappa della Paradise Seeds

- Original Amnesia della Dinafem

top 4 cannabis strains for concentrates

Come fare un estratto di cannabis?

Dunque, passiamo alla pratica. Come possiamo separare i tricomi dal resto dell'erba e quali strumenti sono necessari?

Per prima cosa, facciamo una distinzione tra metodi che impiegano solventi e quelli che non adoperano solventi. I metodi senza solventi sono più semplici: si setaccia il materiale vegetale per filtrare i cristalli. Questo può essere fatto a mano o con macchine appositamente sviluppate, come il pollinator, l'Ice-o-lator o il Bubbleator. Con l'uso di solventi, le tecniche variano dall'impiego del gas butano all'alcool. I principi attivi si dissolvono nel fluido e sono successivamente filtrato.

Metodi senza solventi

Dry-sift

Con il metodo dry-sift, è sufficiente setacciare la pianta, separando naturalmente i cristalli dal resto del materiale vegetale. Tutto ciò di cui avrai bisogno è un po' di manodopera e uno dei tanti setacciatori disponibili come questosieve box (scatola a setaccio) o questo.

Pollinator extraction method

Pollinator

Preferisci una tecnica un po' più professionale e lasciare che una macchina faccia tutto il duro lavoro per te? Il Pollinator (disponibile in diverse misure) è l'attrezzatura ottimale per questo scopo. Si raccomanda di mettere il materiale vegetale in un sacchetto ermetico nel freezer per almeno 2 ore prima di iniziare. Poi, mettere il materiale vegetale nella macchina ad azionamento elettrico. In 2-5 minuti l'impollinatore ha effettuato la setacciatura e l'estratto è pronto.

Ice-o-Lator

L'Ice-O-Lator è un metodo di estrazione semplice e puro a base di acqua e ghiaccio. Il sistema è costituito da due sacchetti con retine molto fini, che vengono immersi in un secchio pieno di ghiaccio, acqua e materiale vegetale. L'uso di un doppio setaccio garantisce un prodotto finale molto puro: particelle di polvere e scarti vegetali rimangono nell'acqua. La chiave del processo è una temperatura dell'acqua appena sopra lo zero (da 4 a 5°C è ottimale).

Ice-o-Lator e una lavatrice

Ice-O-Lator ha anche creato dei sacchetti che possono essere utilizzati in una lavatrice caricata dall'alto. Invece di mescolare manualmente l'acqua fredda e le foglie, puoi lasciare che la rotazione di una lavatrice faccia il lavoro di separazione dei preziosi cristalli dalle tue piante.

Bubbleator

bubbleator

Il Bubbleator utilizza un metodo di estrazione simile all'Ice-o-Lator. Il sistema è completo, pienamente operativo e richiede solo l'aggiunta di acqua fredda, un secchio di raccolta, elettricità e del materiale vegetale. Una volta terminato il lavaggio, l'acqua contenente i tricomi passa attraverso un sacco filtrante che raccoglie dall'acqua qualsiasi materiale botanico sciolto. Poi passa attraverso un secondo setaccio che cattura e raccoglie i cristalli. Simile all'Ice-o-Lator, questi cristalli dovrebbero essere essiccati in un setaccio da cucina, dopo di che sono pronti per la pressatura o per l'uso immediato. I sacchetti a rete del Bubbleator sono a forma piramidale per dare più interazione al materiale botanico con l'acqua.

Metodi con solvente

Queen Bee extraction

Butane Hash Oil (BHO)

Il concentrato si ottiene facendo passare con alta pressione, del gas butano attraverso il materiale vegetale e spurgando il butano in seguito. Utilizzare il metodo Queen bee extractor oppure Honey bee extractor. Inserire il materiale vegetale all'interno del Bee e far il gas butano attraverso l'apertura. L'olio cadrà dalla parte opposta.

Attenzione: assicurarsi di utilizzare questo metodo solo all'aperto! Il butano è molto infiammabile e può facilmente causare esplosioni!

Iso Hash Oil

È anche possibile dissolvere il materiale vegetale in alcool. Solo l'alcool isopropilico è adatto, e dovrebbe essere almeno 91%, preferibilmente 99%. Mettere sia l'alcool che il materiale vegetale nel congelatore per almeno un paio di giorni prima di iniziare.

Spurga

Quando si utilizza un metodo a solvente è necessario purificare il concentrato prima di poterlo utilizzare. Con il metodo BHO, è comune utilizzare un forno sottovuoto per spurgare il solvente. Per l'ISO Hash Oil, puoi usare un sistema elaborato con filtri del caffè e un po' di pazienza (eventualmente l'alcool evapora).

Quando scegli il metodo BHO attenzione a utilizzare gas butano di buona qualità! Scegli la qualità ‘raffinata' o ‘purificata' di butano, il che significa che il produttore non ha aggiunto alcun additivo che potrebbe contaminare il tuo concentrato.

Terminologia: wax, hashish & shatter

cannabis concentrate

Come detto prima, il termine ‘concentrato’ descrive tutte le forme e tecniche di estrazione della cannabis. Tecnicamente parlando l'hashish comune è anche un concentrato.

Nelle fonti (online) si trovano mille termini come shatter, wax o bubble hash, che si riferiscono tutti a concentrati. Non sempre sono disponibili definizioni precise su cui tutti sono d'accordo, ma in generale si può dire che il termine shatter si riferisce a concentrati molto puri, che sembrano quasi vetro. La cera è più appiccicosa e l'olio è completamente fluido. Il bubble hash è prodotto con un Bubbleator. Ice wax è il wax (cera) dell'Ice-o-lator. Full-melt si riferisce a concentrati che contengono così poco materiale vegetale che il concentrato si scioglie completamente quando viene riscaldato. Gli estratti full melt sono più adatti per l'uso in un vaporizzatore perché non lasciano residui.

Il fatto che un concentrato sia fluido o solido dipende non solo dal metodo di estrazione utilizzato, ma anche dalla qualità del materiale vegetale scelto.



Sei maggiorenne?

Per visitare il nostro sito devi confermare di essere maggiorenne.